Giunta Brigante : la trasparenza è un optional

Decollatura, Sabato 11 Agosto 2018 - 20:41 di Mario Perri

Riceviamo e pubblichiamo un commento del responsabile del movimento politico Paese Mio

"A due mesi dall’insediamento l’inconcludenza e la mancanza di autorevolezza del Sindaco Brigante è sotto gli occhi di tutti ed a nulla valgono i comportamenti autoritari, di ostacolo alla possibilità dei consiglieri di minoranza di accedere liberamente alle carte e di pressioni larvate o esplicite sugli oppositori.

Non fa onore al Sindaco la violazione di legge in materia di di delibere che vengono pubblicate senza gli allegati in modo da rendere incomprensibile al pubblico il contenuto. A questo proposito è emblematica l’ultima delibera di variazione di bilancio, pubblicata senza gli allegati ed i pareri, ed adottata in assenza dei presupposti di legge perché non viene specificato quale urgenza c’era di fare una variazione dopo solo 6 giorni dal consiglio comunale che aveva approvato l’assestamento del bilancio.

Non fanno onore i disservizi in materia di autentica delle firme (i cittadini non hanno potuto usufruire del servizio e sono stati costretti a recarsi presso il comune di Soveria Mannelli) provocati con i maldestro tentativo di privare una dipendente, dotato di specifiche competenze e idonea formazione acquisita in corsi ufficiali organizzati dalla prefettura di Catanzaro, del diritto di continuare a svolgere il proprio lavoro, nello stesso ufficio e con gli stessi compiti, solo perché madre di un consigliere di minoranza. La violazione di legge, che secondo alcuni potrebbe configurare più fattispecie di reati, non è stata condivisa neanche dal Filippo Talarico, principale supporter da sempre del Sindaco, che ha citato tale episodio in un documento politico che è da additare ad esempio per l’alto equilibrio mostrato e per il preciso invito alla dott.ssa Brigante ad essere il Sindaco di tutti”.

Non fa onore al Sindaco il messaggio larvato inviato al sottoscritto sulle carte del 2004 che avrebbe in mano e che potrebbe tirare fuori qualora io dovessi continuare a contestarla e non decidessi di calmarmi per permettere a loro di amministrare tranquillamente. Al latore del messaggio ho già risposto che lei deve tirare fuori ogni carta perché io continuerò a essere contro ogni atteggiamento arrogante dei pubblici amministratori, così come lo sono stato quando ho supportato lei per oltre due anni nella sua attività di consigliere comunale. Se ero un tecnico valido quando le suggerivo i problemi della sicurezza della scuola materna di cerrisi, quando le scrivevo la proposta che ha portato in consiglio sul consorzio di bonifica, quando ho tirato fuori la relazione di 24 pagine delle corte dei conti, quando le ho suggerito gli argomenti dei “suoi” splendidi articoli sulla gazzetta et c etc, allo stesso modo lo sono oggi quando affermo che la maggior parte degli atti dell’attuale maggioranza sono contra legem e ne sono coscienti anche numerosissimi suoi passati sostenitori."

Mario Perri



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code