Ma il Gruppo di Protezione Civile di Decollatura che fine ha fatto?

Decollatura, Sabato 14 Gennaio 2017 - 17:31 di Mario Perri

I cittadini di Decollatura, alle prese con l’emergenza neve che li ha bloccati in casa  e con la crisi idrica, si stanno domandando in questi giorni perché non opera più il Gruppo Comunale di Protezione Civile  e chi è riuscito a tenerli bloccati, conoscendo la passione e l’impegno ventennale dei pochi volontari rimasti dopo l’avvento dell’amministrazione Cardamone.

Dopo la riconferma dell’amministrazione di Decollatura  Viva  c’è stato un chiaro disimpegno del comune verso il Gruppo dei Volontari, anche perché non è riuscito il tentativo di procedere alla nomina di un nuovo responsabile più vicino alle posizioni politiche della maggioranza: non ci sono stati soldi per divise e per la manutenzione dei mezzi e quindi i volontari sono stati messi in condizioni di non poter più operare.

Cessando l’attività del Gruppo i mezzi spalaneve del Comune sono rimasti abbandonati nel magazzino ed in giro sono andati i trattori dei parenti, con esborso di molti soldi per un servizio che per un ventennio i volontari hanno prestato quasi gratis.

Questa decisione assurda ha una sua logica ma non ne ha alcuna quella di non utilizzare l’autobotte comunale per distribuire acqua non potabile per i servizi igienici alle persona che da giorni non vedono uscire un goccio di acqua dai rubinetti delle loro case. Noi pensiamo che i volontari, così come lo hanno fatto anni addietro a Gagliano in occasione di una crisi idrica, a maggior ragione   lo avrebbero fatto nel loro paese se solo qualcuno avesse avuto l’idea di cercare di assistere adeguatamente  i cittadini e avesse deciso di utilizzare  il gruppo.

E’ indegno  assistere alla lotta per il potere fra Decollatura Viva e Decollatura Democratica mentre i cittadini tutti, ergo anche gli elettori del Sindaco e degli ex assessori, hanno pensanti problemi - commenta un elettore della attuale maggioranza – io ho votato per avere una amministrazione e non per assistere alla lite per chi deve comandare fra il Sindaco e i suoi assessori. Io non ho un goccio di acqua e voglio una risposta seria perché delle ciarle sulla partecipazione democratica non so che farmene.  Se non riescono a mettersi d’accordo  a malincuore dico: ma che se ne vadano perché tanto, dicendola alla decollaturese,  cchiu scuru de ssa mezzanotte nu ppo venire.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code